Servizio di fotoriproduzione


L’Archivio di Stato di Livorno è dotato di un Servizio di Fotoriproduzione che svolge attività di servizio all’utenza. E’ possibile richiedere la copia fotostatica o la riproduzione digitale dei documenti archivistici e dei volumi della Biblioteca dell’Istituto.

Presso l’Istituto è stata allestita un’apposita Sala per la consultazione dei microfilms della documentazione archivistica, dotata di un visore stampatore che consente il rilascio di copie fotostatiche dei documenti riprodotti su pellicola. L’Archivio di Stato è inoltre munito di un video terminale, dove l’utente può consultare la sezione del Catasto Leopoldino mediante immagini digitali, e richiedere il riversamento delle copie digitali su supporto CD/DVD.

Le richieste di fotoriproduzioni possono esser effettuate durante le ore di apertura della Sala Studio dell’Istituto previa autorizzazione del responsabile del servizio.

Fotoriproduzioni in copia fotostatica o da visore stampatore

Le richieste possono essere presentate tutti i giorni su un apposito modulo predisposto dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mod. 18) e indirizzate alla Direzione dell’Istituto che autorizza la riproduzione previo vaglio del funzionario responsabile del servizio. Il funzionario valuta lo stato del materiale documentario, relativamente a documenti sciolti, o dell’opera libraria e la possibilità di sottoporli o meno a riproduzione, può infatti non autorizzare la riproduzione qualora lo ritenga dannoso per lo stato di conservazione dei documenti o dell’opera libraria. La documentazione archivistica anteriore al 1900 non può in alcun caso essere riprodotta in copia fotostatica. Per quanto riguarda la riproduzione dei volumi della Biblioteca, nel rispetto della Legge 248/2000 sui diritti d’autore, si valuta la preziosità dei volumi e il loro stato di conservazione.

Gli inventari dei fondi documentari e le tesi di laurea non editi non possono essere riprodotti, salvo vi sia espressa autorizzazione dell’autore.

Le richieste di riproduzione devono essere compilate con calligrafia chiara e leggibile, indicando in modo dettagliato le segnature esatte delle unità archivistiche o delle opere librarie di cui si richiede la fotoriproduzione, specificando lo scopo della richiesta che può essere:

  • uso personale o di studio
  • uso amministrativo e legale
  • per pubblicazione
  • per commercializzazione

uso personale o di studio

Nel caso in cui la  riproduzione sia richiesta da privati per uso personale o per motivi di studio, o da soggetti pubblici per finalità di valorizzazione, l’autorizzazione è concessa in esenzione dei diritti di riproduzione. Lo studioso al momento della sottoscrizione si impegna altresì alla non divulgazione, diffusione e spaccio al pubblico delle copie ottenute, consapevole che la violazione di tale impegno comporta l’esclusione dagli Istituti Culturali dello Stato (Soprintendenze, Musei, Archivi, Biblioteche), nonché l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge per la rilevanza del fatto. I richiedenti sono tenuti al solo rimborso delle spese sostenute dall’Amministrazione Archivistica, a partire dal 1 gennaio 2005 l’Istituto ha stabilito le seguenti tariffe relativa al rilascio di copie fotostatiche, la cui regolamentazione è dettata dal “Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio”  D.L. n. 42; art. 108, comma 3, del 22 gennaio 2004:

 

Copie da originale formato A4

 

cad.

€   0.20

 

Copie da originale formato A3

 

cad.

€   0.40

 

Copie da microfilms esistenti mediante visore stampatore:

 

 

 

 

 

 

formato A4

cad.

€   1,50

formato A3

cad.

€   2,00

 

Il versamento dell’importo dovuto in pagamento delle copie fotostatiche eseguite dall’Amministrazione è attestato dal rilascio di una bolletta intestata al richiedente e firmata dal responsabile del servizio.

uso amministrativo e legale

L‘utente ha diritto in ogni caso a copie per uso amministrativo e legale, le richieste  possono essere presentate tutti i giorni su un apposito modulo (Mod. 17) predisposto dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. I richiedenti devono apporre sulla richiesta e per ogni copia rilasciata dall’Istituto una marca da bollo di € 16,80 (D.P.R. 642/72). Nel caso  di documenti originali che superano le quattro facciate, la marca deve essere applicata ogni quattro fogli dello stesso documento (art. 5 D.P.R. 642/72). La direzione certifica  che la copia rilasciata è conforme all’originale. I richiedenti sono tenuti inoltre al rimborso delle spese sostenute dall’Istituto per il rilascio delle copie ottenute.

 

per pubblicazione

Le richieste per pubblicazione possono essere presentate tutti i giorni su apposito modulo predisposto dal responsabile del servizio fotoriproduzione, corredate da una marca da bollo di € 16,80 (D.P.R. 642/72), come disposto dal D.M. del 24.05.2005, che fissa l’adeguamento degli importi fissi dell’imposta di bollo. Per poter pubblicare è necessario ottenere l’autorizzazione della Direzione dell’Istituto. L’autorizzazione a pubblicare è subordinata al pagamento dei diritti di riproduzione per usi diversi da quelli di studio o personali e non richiesti da soggetti pubblici per finalità di valorizzazione.

I canoni previsti per la concessione d’uso devono essere pagati tramite versamento in conto corrente postale n. 4572  intestato alla locale Tesoreria Provinciale dello Stato,  capo 29, capitolo 2584 art. 3, e sono regolati dall’art. 108 del D.L. 42/2004 sez. II, “Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio”.

 
Per fotoriproduzioni eseguite dall’Amministrazione attualmente le norme in vigore prevedono l’ammontare del diritto pari a tre volte il costo della duplicazione rilasciata, come stabilito dal D.M. dell’8. aprile 1994 in applicazione della Legge n. 4 del 14 gennaio 1993 e del regolamento d’applicazione n. 171 approvato dal D.M. 31 gennaio 1994. Tali diritti, per riproduzioni eseguite dall’Istituto, si applicano per la pubblicazione in un’edizione a stampa in una lingua, salvo particolari accordi con l’Amministrazione che può stabilire in alcuni casi una tariffa forfettaria. Resta salva l’esenzione prevista dal D.M.B.C. dell’8.04.1994 per i periodici di natura scientifica ed i libri con tiratura inferiore alle 2000 copie e con prezzo di copertina inferiore ad € 77,47.  I richiedenti sono comunque tenuti al rimborso delle spese sostenute dall’Istituto per il rilascio delle copie ottenute.

In ogni caso la pubblicazione dovrà riportare la segnatura esatta del documento, il n. di protocollo dell’autorizzazione rilasciata dall’Istituto, e la menzione “Su concessione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo” con l’espressa avvertenza di divieto assoluto di ulteriore riproduzione o duplicazione con qualsiasi mezzo.

L’Amministrazione richiede la consegna di n. 3 copie della pubblicazione per cui è stata concessa l’autorizzazione. La violazione di tale obbligo non darà seguito ad ulteriori autorizzazioni per pubblicazione.  

per commercializzazione

Per altre utilizzazioni della documentazione archivistica, quali la commercializzazione, è prevista, oltre al pagamento dei diritti già citati, la corresponsione di royalties nella misura  del 12% sull’introito  lordo derivato.

Riprese cine-fotografiche e televisive


Riprese cine-fotografiche e televisive  
              €   2.065,53  al giorno

 
Si precisa che le riprese foto-cinematografiche per cerimonie si collocano nell’ambito dell’uso esclusivo e temporaneo di uno spazio in consegna all’Amministrazione da parte di operatori professionisti, pertanto ai sensi dell’art. 115 del D.L. 29/10/1999 n. 490, potrà essere fissato un corrispettivo globale per ciascun servizio foto-cinematografico mediante accordi con l’Amministrazione. Il richiedente dovrà compilare gli appositi modelli(A e B) predisposti dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, formulando una richiesta di autorizzazione alla Direzione dell’Istituto, in cui saranno specificati i luoghi disponibili, le modalità ed i costi.

Il pagamento del canone deve essere corrisposto in via anticipata e dovrà essere effettuato tramite versamento sul conto corrente postale n. 4572  intestato alla locale Tesoreria Provinciale dello Stato, capo 29, capitolo 2584 art. 3.

Fotoriproduzioni con fotocamera digitale

Dal primo gennaio 2006 l’Archivio di Stato di Livorno ha istituito un servizio di fotoriproduzione interna mediante fotocamera digitale, è possibile richiedere al personale addetto la riproduzione di materiale documentario mediante un modulo predisposto dal responsabile del servizio di fotoriproduzione. Lo studioso non può eseguire personalmente copie fotografiche né farle eseguire da fotografi professionisti.
Per riprese fotografiche eseguite dall’Amministrazione mediante fotocamera digitale sono applicate le seguenti tariffe previste dalla circolare n. 21 del 17.05.2005 della Direzione Generale per gli Archivi  del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismoa titolo di rimborso spese per riproduzioni effettuate con tecnologia digitale:
 

Riprese da originale con fotocamera digitale formato A4 su supporto CD/DVD (da stessa unità archivistica) più costo del supporto € 2,50 cadauno

€   2,00 a scatto

Riprese da originale con fotocamera digitale formato A4 su supporto CD/DVD (da originali singoli) più costo del supporto € 2,50 cadauno

€   3,00 a scatto

Riprese da originale con scanner formato A4 su supporto CD/DVD (da stessa unità archivistica) più costo del supporto € 2,50 cadauno

€   1,00 a scatto

Riprese da originale con scanner formato A4 su supporto CD/DVD (da originali singoli) più costo del supporto € 2,50 cadauno

€   2,00 a scatto

Riversamento di immagini digitali a colori fino a 2 Mb su supporto CD/DVD (da banca dati esistente) più costo del supporto € 2,50 cadauno

€   3,00 ad imm.

Riversamento di immagini digitali a colori da 2 Mb a 5 Mb su supporto CD/DVD (da banca dati esistente) più costo del supporto € 2,50 cadauno

€   9,00 ad imm.

Stampe a colori su carta da file esistente formato A4 (alta definizione)

€ 10,00 a stampa

Stampe a colori su carta da file esistente formato A3 (alta definizione)

€ 15,00 a stampa

Stampe a colori su carta da nuova ripresa formato A4 (alta definizione)

€ 12,00 a stampa

Stampe a colori su carta da nuova ripresa formato A3 (alta definizione)

€ 17,00 a stampa

Stampe in bianco e nero su carta normale formato A4

€   1,50 a stampa

Stampe in bianco e nero su carta normale formato A3

€   2,00 a stampa

 

Restano valide le modalità previste per le riproduzioni dei beni archivistici tenendo conto della finalità delle richieste, che sono subordinate al pagamento dei canoni corrispettivi oltre che alle spese di fotoriproduzione se non sono presentate per motivi di studio o per uso strettamente personale.